Site en français

Passez la souris
Logo CIO V8
Association V2 copie
 
Clicca sulle immagini per accedere ai vari siti
Sabato 26 gennaio - « Mariage pour tous et Comizi d’amore »
Proiezione dibattito del film di Pier Paolo Pasolini 
Comizi d’amore : inchiesta sulla sessualità  (1963)
Cinquant'anni dopo il documentario di Pasolini sull'amore e la sessualità delle italiane e degli italiani, un'occasione per discutere della complessità dei cambiamenti sociali in Francia e Italia, del matrimonio, del PACS e delle unioni di fatto, delle discriminazioni e della lotta per la parità dei diritti.  
Dove: associazione La Station
station
mdas
13 febbraio - AG annuale  
Dove: Maison des Associations 
Venerdi 8 marzo - « Pizza, Coca-Cola e badanti »
Proiezione di Hanna e Violka, documentario di Rossella Piccinno sulle badanti immigrate in Italia. 
2010_11_12_hanna_e_violka.jpeg
Dall'esperienza di Hanna Korszla , una delle migliaia di badanti presenti in Italia, una storia di partenze e ritorni fra la Puglia e la Polonia, per raccontare le trasformazioni private e collettive dell'Italia di oggi, il suo sistema sociale difettoso, lo spazio insostituibile che attualmente occupano le donne immigrate nell'assistenza ai bambini e agli anziani. Rossella Piccinno artista videoasta globetrotter, sensibile alle problematiche sociali, torna a Strasburgo, dove recentemente ha terminato una Residenza nel quartiere di Hautepierre. 
In collaborazione con l'associazione Horizome. 
Dove: Syndicat Potentiel
syndic
Horizome
Sabato 23 marzo : Festa 2
Dove: Foyer del Teatro di Hautepierre
Giovedi 25 aprile 2013 : « Le donne, la  Chiesa, la mafia »
Incontro con Alessandra Dino, sociologa della devianza e delle trasformazioni sociali all'Università di Palermo, e Anne Vernon, giornalista. 
Autrice di numerosi saggi (« Mafia Donna », « Mutazioni. Etnografia del sistema mafioso », « La mafia devota. Chiesa, religione, Cosa Nostra », « Pentiti », « Gli ultimi padrini »), Alessandra Dino studia i fenomeni criminali di tipo mafioso. 
In questi ultimi anni ha osservato alcune trasformazioni nel ruolo, nelle pratiche sociali e negli stili della leadership, di « Cosa Nostra ». Due caratteri in particolare mostrano questa differenza, tutta interna alla mafia, e la sua evoluzione: quello dell'implicazione delle donne negli atti criminali, ed il legame con la Chiesa, divisa al suo interno, da cui la mafia cerca di acquisire forme di legittimità sociale.
Dove: Stimultania
stimult
Martedi 22 ottobre - Marzia Bisognin, « Volevo fare la Fulgeri » 
Incontro-dibattito con Marzia Bisognin, madre, nonna, collaboratrice del giornale Una città e doula, cioé una donna che accompagna un'altra donna durante la gravidanza, il parto e il periodo che lo segue. 
Marzia Bisognin ha messo in pratica la nozione di famiglia pluri-parentale, che si propone come una delle alternative possibili alla famiglia tradizionale. E' l'autrice diVolevo fare la Fulgeri (2011), un romanzo di formazione sul tema della maternità, fra la fine degli anni '70 e oggi.
Dove: Syndicat Potentiel
bisogn
Sabato 9 novembre - « Bimbilingue » 

pomeriggio bamini
Incontro, fra giochi e animazioni, in due lingue - francese e italiano – per i bambini bilingue. 
Dove: presso la sede della società NOJO

Dicembre

Partecipazione al Festival Stras’ Med
IMediterraneo a Strasburgo
A partire dalla tematica scelta per il 2013, « Métissages », l'associazione Caffé Italia Off ha voluto promuovere una riflessione sul carattere costantemente ibrido, sincretico, storico e mutevole delle identità, comprese quelle che sembrano più « autentiche », o « tradizionali ». 
Come gli uomini, le culture circolano, vengono riappropriate e reinventate, danno incessantemente luogo a nuove forme di creatività individuale e collettiva.  Ci sembra importante, in un momento storico che tende a sottolineare più le differenze  che le somiglianze fra i popoli, mostrare come ogni società e cultura sia il frutto di  questi confronti e trasformazioni. 
Abbiamo realizzato tre incontri che illustrano le diverse sfaccettature di un paese come l'Italia, in cui diverse lingue, culture e memorie non solo coesistono, ma sono inestricabilmente legate.

Giovedi 5 dicembre 
« Dal rito alle rivendicazioni politiche : del miscuglio dei generi »
Incontro-dibattito con l'antropologo Carlo Preziosi dell'Università di Padova, sul pellegrinaggio che ha luogo il 2 febbraio al santuario di Montevergine, presso Avellino. Qui, dal XVI° secolo si effettua la benedizione dei femminielli, un personaggio tipico della cultura napoletana che non s'iscrive in un'opposizione binaria fra i sessi, ma si avvicina piuttosto al transgender. Ogni anno numerosi omosessuali e trans si recano in questo luogo per rendere visita a un'immagine della Vergine, Mamma Schiavona, che dovrebbe proteggere i loro amori. Da qualche anno, il movimento LGBT italiano ha attribuito a questo luogo un significato politico, al fine di sollecitare il riconoscimento delle coppie omosessuali e una legge sul patto civile di solidarietà. Tale proposito politico è valorizzato dalle manifestazioni artistiche, poiché questo luogo di culto, come altri nella regione, è all'origine di una produzione musicale unica.
Dove: La Station
Martedi 10 dicembre 
Festa balcanica 
Un omaggio alla vitalità dei margini e delle marce d'Europa, e in particolare a quelle popolazioni zigane per mezzo delle quali sono circolate alcune forme musicali. 
Alla serata hanno partecipato due gruppi : la Max Maber Orkestar, un gruppo musicale italo-jugoslavo, cha cominciato il suo percorso a Trieste, città frontiera che da sempre rappresenta un luogo di scambio e di contaminazione fra i mondi latini, slavi e germanici ; i Los Dias Moreno, un gruppo musicale zigano del Polygone (Strasburgo), che si è costruito intorno a un repertorio di flamenco popolare. 
Dove: sala della Bourse  
maxmab
Venerdi 13 dicembre 
« Métissage e immigrazione in Italia »
Proiezione al Cinema Odyssée del documentario di Andrea Segre Mare Chiuso (2012, Premio Vittorio de Seta). 
Dibattito in presenza del regista, di Mimmo Perrotta, professore in sociologia all'Università di Bergamo, e di Romain Balandier (Confédération paysanne). 
mare chiuso
Andrea Segre (1976) insegnante e ricercatore in sociologia della comunicazione, ha realizzato diversi documentari sul contatto fra le culture e sul métissage, fra cui Lo sterminio dei popoli zingariA metà storia tra Italia e AlbaniaDio era musicista. E' inoltre l'autore di Io sono Li , ricompensato con numerosi premi, e di Rebetiko (2012).
Web agency - Creazione siti web Catania